Le isole del centro sud da Trogir a Dubrovnik dal 25 Luglio al 1 Agosto € 550

Tipo di itinerario: Questo itinerario è stato studiato con una partenza e rientro da Trogir e porti limitrofi per visitare la le isole della dalmazia centro meridionale fino a Dubrovnik.

Difficolta: alta, consigliato solo per gruppi di scuola vela o per chi ama fare tante miglia e poche soste.

Paesaggi: La Dalmazia centro meridionale ha la caratteristica di avere isole quasi tutte abitate. La nota caratteristica è il profumo di pini e lavanda con alta vegetazione che arriva fino a bordo acqua. Le isole sono ricche di storia Romana, Greca, Veneziana e Austro Ungarica fanno di esse un pacchetto importante da visitare per mare e per terra. Ricca di porti e porticcioli, tante baie bellissime con fondali smeraldini, racchiudono un modo per fare una vacanza in barca vela ricca di contenuti naturalistici e storico culturali.

Itinerario e visite a terra: Dipende dallo svolgimento anche in base al meteo locale della settimana, tuttavia questa crociera in barca vela è fatta per chi vuole fare scuola vela e poche soste. L’itinerario è molto ambito, alcune volte non riusciamo a completarlo in quanto il meteo non ci permette di fare tante miglia e quindi rispettare il programma.

Attività principali: Durante la crociera è possibile timonare e partecipare alle manovre sotto la guida dello skipper. Ogni giorno si veleggia, si fanno tante miglia e poche brevi soste.

Nb: portarsi un equipaggiamento adeguato alla vela: guanti, cerata estiva, cappello, occhiali e scarpe da barca. Niente Trolley ma solo una sacca da vela.

Itinerario e posti più interessanti dove fermarsi: Hvar, Korcula, Lastovo Mljet, isole Elafiti, Dubrovnik, Vis. La descrizione della mappa e dell’itinerario è puramente indicativa, è solo una linea guida, tutto dipende sempre dal meteo locale, varie circostanze variabili e le esigenze del gruppo a bordo.

Organizzazione in barca: Non essendoci il cuoco e la hostess (salvo non venga richiesto nel noleggio in esclusiva), tutte le attività di bordo sono autogestite, incluso la spesa da fare a terra almeno 2/3 volte durante la crociera. Almeno due o più cene verranno consumate a terra secondo vostra preferenza e su indicazione e consiglio dello skipper.

Costi: oltre alla quota base e tariffa skipper di € 150,00 a pax, ci sono i costi extra che sono i seguenti: biglietto di ingresso nel parco di Lastovo e Mljet, il costo di alcuni ormeggi comunali o campi boe, il costo della cambusa (colazione, pranzo, cena) e il carburante consumato che verrà rabboccato prima di rientrare alla base di partenza. Per queste ultime spese verrà costituito un fondo cassa gestito degli ospiti a bordo in piena autonomia. Da mettere a budget circa 20 euro al giorno per persona. Non ci sono altre spese.

Consigli: a bordo c’è il wi-fi ma si consiglia un uso limitato del telefono. Staccate la spina e immergetevi in questa crociera scuola vela, siate pronti a fare tante miglia ogni giorno, la Croazia è chiamato anche il paradiso dei velisti.

Day 1
1° giorno Sabato

Al vostro arrivo a Trogir il ritrovo è presso l’Aci Marina dalle ore 15:00 in poi, sistemiamo i bagagli a bordo, faremo la spesa per la cambusa, ci sarà il briefing sulle dotazioni di bordo, di sicurezza, spiegheremo le manovre della barca e uso degli strumenti e se possibile partiremo subito per trasferirci per la nostra prima meta che è l’isola di Hvar, circa 20 miglia da coprire.

Andremo ad ormeggiare all’ancora sul lato ovest nella baia di Vinogradisce.

La sera si puo’ scendere alla Palmizana per cena dal famoso Meneghello o Zori, vi è anche la possibilità di ormeggiare all’interno del bellissimo Aci Marina Palmizana e andare in taxi boat in città a Hvar nel pieno della movida e meta del jet set mondiale tra yacht da sogno e mille locali illuminati.

Day 2
2° giorno Domenica

Dopo colazione e un bel bagno in una delle favolose baie delle isole Pakleni, partiremo in prima mattina per la nostra crociera in barca a vela, il canale di Lesina è caratteristico per il suo dedalo di isolette, una macchia mediterranea unica al mondo.

Alziamo le vele e iniziamo a traversare l’isola di Hvar, con le brezze di ricaduta ci dirigiamo verso l’isola di Scedro, le miglia da fare sono 14 circa. Essa è un’isola al largo della costa meridionale di Hvar, un parco naturale incontaminato con diverse calette, offre un fascino particolare per la sua tranquillità, i profumi inebrianti della natura e acque cristalline, su quest’isola d’estate vivono circa 30 persone in inverno e circa 15, non vi è ne acqua ne elettricità, sul lato sud dell’isola vi è un aeroplano della seconda guerra mondiale e la su fusoliera si trova sui fondali.Successivamente ci fermiamo solo nella baia di Porat a Lovisce per un bagno.

Continuiamo il nostro viaggio in barca a vela abbiamo ancora 20 miglia da fare in entusiasmanti veleggiate passando per l’arcipelago di Peljesac e Loviste, entriamo nel canale di Korcula per raggiungere in serata verso le 19:00 l’omonima città veneziana, patria di Marco Polo.

Questa tappa sarà ricca di storia, arte e cultura, infatti la città di Korcula è rimasta intatta nei secoli e oggi Patrimonio Unesco, un posto da non perdere sicuramente, passeremo la serata e la notte qui.

Day 3
3° giorno Lunedi

La mattina con molta calma, dopo un bagno e una ricca colazione, proseguiamo puntando la prua direttamente verso sud est costeggiando Peljesac e a destra l’isola di Mljet, le miglia da fare oggi sono circa 35 per 5 ore circa fino alla prima sosta e nella tabella di marcia non ci sono altre soste, costeggiamo le isole Elafiti, l’isola di Sipan per arrivare a Lopud dove faremo una pausa nella baia di Sunj, c’è una spiaggia di ghiaia dove ancorare e passare un’ora a fare belle nuotate.

Le miglia da fare adesso sono poche, circa 7 in totale, possiamo quindi decidere di fare pranzo qui e poi in tardo pomeriggio faremo un’ultima veleggiata tra Lopud e l’isola di Kolocep per dirigerci in direzione della splendida Dubrovnik ”Ragusa”.

Ci attende una fantastica serata in una delle più importanti e antiche città del Mediterraneo costruita sulle rotte della Repubblica marinara di Venezia ed oggi osannate come prezioso scrigno da scoprire nelle dolci serate estive.

Possiamo decidere di lasciare la barca all’ancora proprio fuori il Marina Aci di Dubrovnik oppure entrare all’ormeggio e prendere poi un autobus per raggiungere il centro città.

Day 4
4° giorno Martedi

Ripartiamo da Dubrovnik e uscendo dal canale puntiamo subito la prua verso l’isola di Mljet, nella parte estrema meridionale si trova la baia di Blace e la baia Saplunara che guarda in mare aperto, la sua spiaggia sabbiosa e i suoi fondali incontaminati sono estremamente ricchi di flora e fauna marina.

Il nome deriva da la parola latina sabulum “sabbia” , sopra il campo di Zare si trovano i resti di una basilica paleocristiana che la gente del posto chiama Basilica di San Paolo a causa di un naufragio dell’apostolo che vi rimase per circa 3 mesi.

Ci fermiamo qui per un bagno e il pranzo, questo è una delle baie più belle della Croazia, possiamo scendere a terra per una visita. Ripartiamo nel pomeriggio costeggiando a vela l’isola di Meleda, passiamo al traverso di Sobra, continuiamo a vela per immetterci nel fiordo di Mljet tra falesie innalzate e mare blu profondo, questo tratto all’interno dell’isola che ci porterà fino a Polace “Porto palazzo”.

Incontriamo diversi Yacht di ricchi magnati, questo è un posto molto esclusivo, fuori dalle rotte di tutti i Charter a vela in Croazia.

Arrivati a Polace sul lato sinistro ci sono numerosi approdi realizzati da famiglie che hanno allestito piccole trattorie di pesce, tutti hanno l’acquario in mare dove mettono all’interno pesci di pregio, crostacei quali aragoste, astici e cicale di mare.

Ci fermiamo in posti che conosco bene come Konoba Calipso specializzato in polpi e pesce alla peca, oppure dall’amico Josef che ci preparerà una cena a base di antipasti di pesce, pesce alla griglia “pescato del giorno” e prodotti agricoli dell’isola, cena servita proprio sul molo davanti la nostra barca.

Sul passeggio piccole attività e due alimentari per fare un po’ di rifornimento cambusa per il giorno dopo.

Day 5
5° giorno Mercoledi

Lasciamo un po’ a malincuore l’isola di Mljet, vero paradiso per i diportisti, usciamo dalla baia di Polace e facciamo rotta verso l’isola di Lastovo, tra un bordo ed un altro dopo un paio d’ore incontriamo a sud le isolette Lagostine : Stomorina, Krucica, Cesvinica e Saplun.

Scegliamo un ancoraggio solitario e spettacolare in queste acque turchesi, qui i fondali sono veramente straordinari, facciamo sosta per preparare il pranzo e fare una bella nuotata.

Nel pomeriggio proseguiamo costeggiando Lagosta al traverso di Lucica, Zaklopatica che è un piccolo porticciolo con numerosi ristorantini tra cui uno famoso che conosco, si chiama Augusta Insula, ci infiliamo tra Prebza e l’isola di Mrcara che è una riserva di caccia.

Ci inoltriamo a motore tra queste falesie straordinarie e particolari nella sua forma, con una vegetazione fatta di pini che arrivano fino in acqua, a Veli Lago ancoriamo in una baia bellissima a ridosso di un bunker militare abbandonato.

L’isola di Lastovo con le sue isole minori tra cui KopisteSusac sono parco nazionale protetto da Ottobre 2006. Ne approfittiamo subito per un tuffo, qui il fondale è sabbioso, circa 10/15 metri, cosi’ trasparenti che la barca sembra sospesa nel vuoto.

Passiamo qui la serata, c’è un bellissimo paesaggio e passeggio da fare, passeremo qui la notte alla fonda in questo vero paradiso naturale.

Day 6
6° giorno Giovedi

Questa mattina dopo colazione e un bagno abbiamo per la prima tappa 12 miglia da fare e altre 20 miglia per la successiva che ci porterà a Vis, alziamo le vele e puntiamo la prua verso l’isola di Susac-Cazza.

Essa è un’isola montuosa e brulla, è abitata solo per brevi periodi, ci ancoriamo per una sosta nella piccola baia in 8/10 metri con una cima a terra. Qui la costa è rocciosa è l’acqua limpidissima che ne fanno un vero paradiso per lo snorkeling, spettacolare la scogliera a sud del faro.

Passiamo un paio d’ore qui e poi ripartiamo per l’isola di Vis, abbiamo 3 ore circa di navigazione a vela per arrivare nella parte sud di Vis dove si trovano le isole di Greben, Ravnik e Budikovac dove cè una spiaggia spettacolare e un ancoraggio ottimo per la sosta.

Altri posti interessanti da visitare sono la baia di Rukavac e Stiniva anche se quest’ultima molto turistica.

Nel tardo pomeriggio risaliamo l’isola sul lato est per passare davanti al bellissimo faro di Stoncika ed entrare nella grande baia di Vis. Possiamo scegliere se rimanere alla fonda oppure ormeggiare sia nel marina di Kut “ Cantone ” che si trova sulla sinistra oppure all’ormeggio in porto in centro città.

Per la sera se vi lasciate guidare andremo a cena in un posto quotato come la migliore griglia della Croazia chiamato “Pojoda” che in croato significa porto sicuro, dopocena una meravigliosa passeggiata tra Marina Kut e Vis città.

Day 7
7° giorno Venerdi

Molliamo gli ormeggi di buon mattino e ci trasferiamo nella baia di Stoncika, verso le 09:00 quando il sole è abbastanza alto esso illumina tutta la baia e i suoi fondali che sono un vero spettacolo, in fondo si trova solo un moletto ed una casa estiva, restiamo qui per un lungo bagno.

Verso le 10:00 tracciamo la rotta per l’isola di Solta, abbiamo circa 18 miglia da coprire, alziamo le vele sperando in un buon vento di maestrale che ci porterà a destinazione, contiamo di arrivare per le 13:00 nei pressi delle isolette a nord ovest che si chiamano Balkun, Saskinja e Stipanska dove in genere ci fermiamo per la nostra sosta pranzo e bagno.

Questa zona è molto ambita dai diportisti, di fronte abbiamo l’isola di Solta e il paesino di Maslinica con il castello Martinis Marchi e la marina nuova di gran lusso, un vero gioiello per il diporto della Croazia, per non parlare poi della natura e dei fondali che sono particolarmente belli, le isolette invitanti per un atterraggio e una nuotata intorno.

In genere qui prendiamo anche i ricci di mare che sono molto buoni per fare un aperitivo o una pasta.

Nel pomeriggio ci prepariamo a rientrare alla base, alziamo ancora le vele, qui il maestrale prende velocità dalle montagne del continente croato e sarà quindi una veleggiata entusiasmante ed impegnativa. Passiamo al traverso di Drvenik Veli e la famosa baia di Krknjas, non cè tempo per fermarsi anche qui, continuiamo verso l’isola di Ciovo e il canale di Trogir, le barche in questa direzione sono tantissime, facciamo degli ingaggi come fosse una una regata, rientriamo alla base entro le ore 18:00.

Ne approfittiamo questa sera per visitare la città di Trogir oggi Patrimonio Unesco e stare ancora un po’ insieme per una cena equipaggio in uno dei locali tipici del centro storico.

Day 8
8° giorno Sabato

Sabato mattina è previsto lo sbarco entro le ore 10:00.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi